Motori di ricerca online e il diritto all'oblio: una forma di censura? - HSPI SpA

Search
Vai ai contenuti

Menu principale:

Motori di ricerca online e il diritto all'oblio: una forma di censura?

di Stefano Caruso (Consultant @HSPI), pubblicato il 17/06/2014
Abstract
Il tema è noto: cancellare i dati dalla rete non è affatto semplice.
Inoltre, quando si tratta di notizie riguardanti un accadimento passato, la questione è ancora più delicata. Ha fatto quindi rumore lo scorso mese la sentenza imposta a Google di rimuovere i dati di un cittadino spagnolo risalenti a 16 anni prima. Notizie non più attuali e infamanti, nonché invasive della sua privacy. Il motore di ricerca è dunque responsabile del trattamento dei dati personali.
Al di là delle implicazioni gestionali, che vedono Google costretta a gestire con un processo manuale le molte richieste di diritto all'oblio che stanno pervenendo dai cittadini, il dibattito è intenso e rimangono molti interrogativi aperti: è giusto e lecito che il diritto all'oblio prevalga sul diritto all'informazione?

© Riproduzione riservata
 
© 2003-2015. HSPI SpA Partita IVA: 02355801206
Torna ai contenuti | Torna al menu