Agenda Digitale Europea ed Italiana: genesi, obiettivi e riflessioni

giovedì 19 luglio, 2012
di Stefano Aiello (Partner @HSPI) e Giusi Porrello (Consultant @HSPI)

La crisi finanziaria del 2008 ha evidenziato delle carenze di natura strutturale dell’economia europea; la strategia “Europa 2020”, avviata dalla Commissione europea nel 2010, rappresenta, in parte, una risposta a questa crisi. In tale ambito s’iscrive l’Agenda Digitale Europea.

La Commissione Europea ha compreso il potenziale dell’economia digitale per lo sviluppo economico e sociale dell’Europa ed ha identificato la strategia per concretizzare tale potenziale, proponendosi, in particolare, di rimuovere sette ostacoli allo sviluppo dell’ICT:•la frammentazione dei mercati digitali;

  • la mancanza di interoperabilità;
  • l’aumento della criminalità informatica e il rischio di un calo della fiducia nelle reti;
  • la mancanza di investimenti nelle reti;
  • l’impegno insufficiente nella ricerca e nell’innovazione;
  • la mancanza di alfabetizzazione digitale e di competenze informatiche;
  • le opportunità mancate nella risposta ai problemi della società.

L’articolo si propone di presentare le sette soluzioni agli ostacoli identificati, per poi fare un confronto tra queste e le iniziative in programma nell’Agenda Digitale Italiana, finendo con il presentare alcune considerazioni in merito alla necessità di accompagnare le iniziative menzionate a progetti in IT Governance.

©Riproduzione riservata

DOWNLOAD

PDF