Rubrica sull’adozione STANDARD ISO/IEC 20000

mercoledì 09 maggio, 2012
premessa di Fabrizio Cirilli (Lead Auditor TÜV Italia), intervista a: Sadao Fukatsu (Lead Auditor ISO/IEC 20000 di DNV), Marcus Giese (Lead Auditor ISO/IEC 20000 & ISO/IEC 27001 di TÜV SÜD) e Paul Barrett (Lead Auditor ISO/IEC 20000 di BSI)

Perché le organizzazioni si sottopongono ad un processo di certificazione? Qual è l’effettiva utilità della certificazione e come vengono impostati i progetti di miglioramento? Quali sono gli effettivi risultati ottenibili col raggiungimento delle certificazione? Quali le difficoltà che si incontrano?

Quanto le organizzazioni che aspirano alla certificazione si mettono realmente in discussione?

Cerchiamo di capirlo intervistando alcuni lead auditor ISO/IEC 20000 dei principali organismi certificatori operanti a livello internazionale (TÜV, DNV e BSI), analizzando come vengono affrontate le certificazioni in Germania, Giappone e Regno Unito, indagando insieme le ragioni per cui le organizzazioni decidono di intraprendere il percorso di certificazione ISO 20000, il loro atteggiamento nei confronti dell’adozione dello standard e le principali debolezze e non conformità rispetto ai requisiti riscontrate nel corso degli audit.

In questo numero la rubrica presenta il punto di vista di Marcus Giese, Product Manager e Lead Auditor ISO/IEC 20000 e ISO/IEC 27001 di TÜV SÜD, di Sadao Fukatzu, Lead Auditor ISO/IEC 20000 di DNV e di Paul Barrett, Strategic Accounts Team Leader di BSI UK.

©Riproduzione riservata

DOWNLOAD

PDF